Scritto da:

Fisioterapia Trieste Fisioterapista

Dott. Michele Mezzetti

Molto spesso si sente dire che è importante fare attività fisica regolare, ma sappiamo il perchè?

I benefici dell’attività motoria sono molteplici, infatti ,se eseguita con costanza essa contribuisce a:

  • Controllo della pressione arteriosa con vantaggi al sistema cardiovascolare (minor rischio infarti ad esempio)
  • Migliora il metabolismo di zuccheri, grassi e proteine con conseguente prevenzione di malattie metaboliche come ad esempio il diabete
  • Un regolare sviluppo e mantenimento dell’apparato muscolo-scheletrico stimolando ad esempio l’aumento di massa ossea e riducendo quindi il rischio di osteoporosi o la riduzione del tessuto adiposo in eccesso riducendo quindi il peso e il carico che le strutture articolari devono sopportare
  • Stimola lo sviluppo del sistema immunitario
  • Contribuisce a migliorare la sfera psichica riducendo disturbi quali stress ansia e depressione

Cosa succede se non si fa abbastanza attività fisica?

Secondo l’organizzazione mondiale della sanità (OMS), la mancanza di attività fisica e uno stile di vita sedentario sono responsabili di circa 3 milioni di morti ogni anno ed è strettamente correlato con la comparsa di diverse patologie croniche.

Quanta attività fisica bisognerebbe svolgere?

Sulla quantità di sport da praticare (con ovvie e inevitabili distinzioni a livello individuale) si è espressa l’OMS nel 2010 che ha pubblicato le Global recommendations on physical activity for health distinguendo la in base ai gruppi di età:

  • Età evolutiva (5-17 anni): almeno 60 minuti al giorno di attività moderata–vigorosa, includendo almeno 3 volte alla settimana esercizi per la forza che possono consistere in giochi di movimento o attività sportive.
  • adulti (18-64 anni): almeno 150 minuti alla settimana di attività moderata o 75 di attività vigorosa (o combinazioni equivalenti delle due) in sessioni di almeno 10 minuti per volta, con rafforzamento dei maggiori gruppi muscolari da svolgere almeno 2 volte alla settimana
  • anziani (dai 65 anni in poi): le indicazioni sono le stesse degli adulti, con l’avvertenza di svolgere anche attività orientate all’equilibrio per prevenire le cadute. Chi fosse impossibilitato a seguire in pieno le raccomandazioni deve fare attività fisica almeno 3 volte alla settimana e adottare uno stile di vita attivo adeguato alle proprie condizioni.

Quali attività preferire?

A seconda dell’età della persona e in base alle condizioni fisiche sarà consigliata un certo tipo di attività piuttosto che un’ altra. In linea generale per quanto riguarda l’età evolutiva sono preferibili gli sport di squadra (calcio , pallacanestro ecc..) che oltre all’aspetto fisico sono utili a migliorare le capacità di socializzazione e attività che favoriscano la coordinazione motoria quali ginnastica artistica o danza.

Negli adulti invece sono preferibili attività quali il ciclismo, il nuoto , la corsa per un miglioramento cardiocircolatorio. E’ bene progressivamente ridurre sport di contatto in modo da ridurre la possibilità di infortunio. E’ altresi’ fondamentale un adeguato programma di allenamento per prevenire patologie da sovraccarico, infatti, un’attività fisica intensa senza adeguata preparazione può portare al manifestarsi di sovraccarichi funzionali con conseguenti patologie (borsiti, tendinopatie, condropatie…).

Per gli over 65 l’obiettivo principale dev’essere quello di mantenere l’omeostasi dell’organismo. Sono quindi particolarmente indicati esercizi a corpo libero, lunghe camminate, cyclette, esercizi in acqua e in generale tutte quelle attività atte a mantenere una mobilità articolare , un buon trofismo muscolare e un efficiente apparato cardiorespiratorio.

Come approcciarsi all’attività motoria?

In una fase iniziale è molto utile appoggiarsi a dei professionisti quali il fisioterapista e il laureato in scienze motorie per elaborare un piano di allenamento personalizzato che tenga conto di tutte le proprie peculiarità ed eventuali problematiche in essere ed evitare di incorrere in infortuni o sovraccarichi.La chiave per trarre beneficio dall’attività motoria  è la costanza, è fondamentale ritagliarsi nella giornata degli spazi di tempo in cui svolgere l’attività fisica mantenendo uno stile di vita attivo, lo sport deve essere inteso come fonte di salute al pari di altre terapie (comprese quelle farmacologiche) e non come una fatica fine a se stessa o ridurlo alla sua sola componente ludica.

In una fase iniziale è molto utile appoggiarsi a dei professionisti quali il fisioterapista e il laureato in scienze motorie per elaborare un piano di allenamento personalizzato che tenga conto di tutte le proprie peculiarità ed eventuali problematiche in essere ed evitare di incorrere in infortuni o sovraccarichi​

Il centro di Fisioterapia Fisiomed Italia offre un servizio completo di fisioterapia e riabilitazione di carattere traumatologico, ortopedico e sportivo occupandosi inoltre di recuperi post- chirurgici. Integrando le diverse competenze mediche, il team di fisioterapisti e laureati in scienze motorie guida il paziente verso un percorso di recupero volto al ripristino del benessere delle attività quotidiane e nella ripresa sportiva.

Articoli correlati

Send this to a friend